Autunno, stagione di partenze e ripartenze. Nel caso dei servizi per la disabilità che ruotano attorno alla nostra Fabbrica del Chinino la ripartenza è avvenuta in realtà in estate, in quel 22 luglio che già vi abbiamo raccontato. Da allora è stato un graduale riabituarsi alla nuova quotidianità, fatta di spazi, ritmi e attività diverse, sempre nel rispetto dei nuovi protocolli di sicurezza!

Una normalità ancora parziale, dove la frequenza dei ragazzi non è ancora tornata quella di sempre. Non siamo ancora alla meta dunque: consapevoli della fatica che ancora grava sulle famiglie, continuiamo a fare del nostro meglio per loro e per i ragazzi. Ci stiamo lavorando, in tutti i sensi!

Nuove modalità, la cura di sempre

Sia a “Raccordi” che a “Cure Familiari”, i due centri diurni gestiti dalla nostra Cooperativa Paradigma, attività e laboratori stanno gradualmente riattivandosi con nuove modalità: i gruppi di lavoro sono più piccoli; gli spazi in cui ci muoviamo nelle due strutture sono ben definiti e delimitati; possiamo stare insieme, ma distanziati e con le mascherine; ragazzi e operatori tutti, dobbiamo lavarci bene le mani e utilizzare gli appositi igienizzanti.
Purtroppo ne sono ancora esclusi i nostri amici volontari: per motivi di sicurezza non ci possono venire ad aiutare. Ne sentiamo la mancanza e speriamo davvero di rivederli al più presto!

Il cuore di Raccordi Familiari di Via Taggia, il Centro ospitato dentro la Fabbrica del Chinino, continua a pulsare attorno al laboratorio di restauro del legno gestito da Rosalba, educatrice e super restauratrice professionista. Vi si affianca un laboratorio storico, presente anche nel Centro di Via Paoli, quello di oggettistica: è ripresa la produzione di gioielli, degli oggetti di cucito, dei mille e più ricordini in vista dei mercatini di Natale, nella speranza di trovare nuove occasioni di distribuzione dei nostri oggetti solidali. Non ci lasciamo scoraggiare: conserviamo la speranza che le nostre creazioni possano portare un po’ di allegria in questo periodo così incerto!
A proposito: ringraziamo ancora una volta gli amici dell’Azienda Agricola Chicco di Carmagnola che ci hanno ospitati per due giorni presso il loro stand, dandoci la possibilità di ripartire con la raccolta fondi a favore della nuova Comunità!

Produciamo per Chinino Food!

È ripresa anche l’intera attività dei centri a sostegno di Chinino Food, il nostro progetto di ristorazione sociale! In Via Taggia ragazzi ed educatori sono tornati a produrre cose buone e belle nei laboratori di cucina del Centro: gnocchi, tagliatelle, agnolotti e tutta la pasta fresca servita a Chinino Food sono opera loro! In Via Paoli invece si concentrano sul pane: il Laboratorio di panificazione è la grande novità di questi mesi. Con la consulenza del tecnico Ursula e di Luca, lo Chef di Chinino Food, ragazzi ed educatori tutti ci siamo attrezzati e messi in gioco: l’obiettivo è diventare i principali fornitori del pane servito a Chinino Food!

Le attività con gli amici tecnici

Ci sono poi le attività gestite dai nostri tecnici-consulenti esterni (che hanno tutti superato l’esame del tampone!). Abbiamo cercato di reinserirle fin dalle prime settimane, seppur con qualche inevitabile modifica: pensiamo alle sessioni di Yoga della Risata con Loredana e Patrizia, reinventate per svolgersi direttamente nei Centri e in piccoli gruppi. Una modalità utilizzata con tutti gli altri tecnici delle attività: pensiamo a Nico, che per noi organizzava le lezioni di Shiatsu, che oggi suddivide le sue lezioni di Rilassamento fra i diversi gruppetti compresenti in zone diverse delle strutture, così da garantire a tutti lo svolgimento delle attività pur nel rispetto delle distanze.

Loredana, tecnico di Yoga della risata:

la ripresa è stata sorprendente per tutti… la nostra attività è sicuramente più difficile in piccoli gruppi, o singolarmente, rispetto al lavoro con grandi gruppi. Abbiamo però colto tanta voglia di ricominciare e gioia di rivederci, i sorrisi dei ragazzi non sono cambiati! In alcuni vedo addirittura un po’ di partecipazione in più, forse perché meno intimoriti rispetto al grande gruppo!

Nico Alampi, tecnico di Shiatsu:

abbiamo modificato l’attività per rispettare la normativa: non più shiatsu, ma un rilassamento guidato, esercizi di do-hin e di automassaggio. Il tutto sostenuto da musica e aromaterapia! I ragazzi hanno risposto bene e senza particolari paure e preoccupazioni, anche quelli che provavano questo tipo di attività per la prima volta…

E ancora: in Via Taggia è nato un nuovo laboratorio curato da Karim, il nostro amico DJ, ve ne parleremo prossimamente! A Cure, invece, finché l’estate ce lo ha permesso abbiamo continuato a uscire sul territorio e a prenderci cura dell’orto di Chinino On Air. Ma soprattutto abbiamo ricominciato la fondamentale attività di fisioterapia: un momento strettamente individuale che non ha subito particolari variazioni. Abbiamo ripreso l’attività nella nostra fantastica vasca a farfalla (ne abbiamo parlato QUI, ricordate?) e rimangono tutte le attività di cura della persona, le docce, le attività di bellezza rivolte alle ragazze, l’attività di alfabetizzazione, dove cerchiamo di mantenere le abilità di letto-scrittura e calcolo dei ragazzi.

😊 No, non è ancora tutto: a ottobre ripartiranno le sessioni di Espressione Corporea con i tecnici Aldo, Renato e Antonella! Vi aggiorneremo su tutto. Su queste pagine e naturalmente sui nostri social network, Facebook e Instagram in particolare! www.facebook.com/fabbricadelchinino // www.instagram.com/fabbricadelchinino

Tante altre foto

La Fabbrica cresce con te! Aiutaci a far diventare la Fabbrica Maison e Dehor, casa e giardino. Basta poco: un abbraccio. #incrociAMOleabilità

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail