“Caffè incluso” – Impariamo a fare il caffè!

La Fabbrica continua a crescere. Il progetto Maison&Dehor porterà una vera e propria estensione della Fabbrica del Chinino nei locali dell’adiacente via Montevideo, dove insieme agli spazi a disposizione cresceranno le opportunità di integrazione e relazione, le attività, i laboratori e i corsi oggi promossi.

DOMANI: UNA CAFFETTERIA “LEGGERA”

Come già fu per la proposta di ristorazione sociale Chinino Food, anche in Via Montevideo il cibo diverrà motore e occasione di aggregazione e condivisione. Verrà aperta una caffetteria leggera che si appoggerà alla cucina di Chinino Food e sarà generativa di nuove opportunità di coinvolgimento diretto di persone disabili nella vita della Fabbrica. Ancora una volta sarà la disabilità a co-produrre servizi e benessere per gli altri.

OGGI: “CAFFE’ INCLUSO” – IL CORSO

Nuova “produzione” richiede nuove competenze, da qui l’idea di un corso di preparazione professionale in vista dell’apertura della caffetteria.


Promosso da Associazione Tablò con il sostegno della Circoscrizione 8 di Torino, il percorso di formazione è partito in queste settimane: non ha l’obiettivo di formare professionisti del settore banco bar, ma di consentire ad operatori dei servizi per la disabilità di Cooperativa Paradigma di acquisire le tecniche base di buona lavorazione del caffè, affinché essi stessi possano in seguito divenire “tutor” mediatori e trasferire quell’esperienza alle persone di cui si prendono cura ogni giorno nei Centri e Comunità in cui operano. Tutti insieme, faranno parte dello staff integrato della nuova caffetteria.


Formarsi per poter formare, questo lo scopo del progetto,
che vedrà la partecipazione nelle diverse fasi di alcune persone seguite da Cooperativa Paradigma. Come già per la felice esperienza di Chinino Food, nella caffetteria troveranno un’alternativa, un complemento alle consuete attività svolte a fianco dei loro educatori; per alcuni di essi, nelle possibilità fisiche ed intellettive, potrà divenire motore di cambiamento e stimolo nella ricerca di inclusione sociale.


IL BANCONE DI “CAFFE’ INCLUSO”

Alla Fabbrica tutto si trasforma e nulla si distrugge, e così è per il bancone che il laboratorio di restauro del Centro diurno Raccordi familiari ha realizzato per il corso: un bancone-carrello progettato e assemblato con materiali di recupero, opera della nostra educatrice-restauratrice Rosalba e delle persone disabili del Centro diurno, con l’aiuto dei tanti amici volontari che frequentano il Laboratorio e incrociano le loro abilità con le nostre! In particolare ringraziamo Vincenzo, che ci ha portato alcuni dei materiali di recupero utilizzati!


La prima occasione per assaggiare il nostro caffè?
Il 29 novembre in occasione di NATALE IN DEHOR!

 

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail