FINE CORSI: DUE PAROLE SU FABBRICARTE 

FabbricArte è uno simboli della Fabbrica del Chinino. È il progetto che propone laboratori artistici e artigianali studiati per favorire l’incontro e l’integrazione tra cittadini e persone disabili. Le attività sono gestite da operatori di Cooperativa Paradigma e aperte a tutti, a tutte le abilità: alle persone disabili assistite nei servizi gestiti dalla Cooperativa, o da servizi esterni, e ovviamente a chiunque altro.

Con l’arrivo dell’estate si sono conclusi gli appuntamenti con i corsi di FabbricArte Orto sul Balcone e di FabbricArte Restauro. Facciamo allora un passo indietro sul valore del progetto per poi dire due parole sulle attività appena terminate.

Un progetto innovativo

L’innovazione del progetto sta nel favorire quel legame che si genera in un tempo piacevole e produttivo, dove coltivare una passione personale immersi nella relazione con gli altri.
Ma c’è di più: FabbricArte fa rima con CONDIVISIONE fra interno ed esterno e resituisce il concetto forte che vede le risorse per la disabilità diventare opportunità per tutti. Gli spazi, l’attrezzatura, ma anche le competenze! Come quelle di Rosalba: educatrice del Centro diurno e restauratrice professionista.

In Fabbrica, a FabbricArte e non solo, le risorse per le persone disabili diventano strumenti di benessere, formazione e divertimento per tutti!

Orto sul balcone

È il laboratorio di orticoltura urbana presso Chinino On Air, la terrazza del Centro Diurno “Cure Familiari” di via Paoli 15. Partito in primavera, il corso si è svolto in 5 incontri. I partecipanti erano tre cittadini del quartiere, 3 inquilini della Comunità (Paola, Sandro e Debora), due operatori, e alcuni rappresentanti di Cure Familiari che hanno partecipato a turno.

Anno dopo anno più interessante e partecipato, il corso è curato da Ursula Gamba, consulente agronoma di AIAB Piemonte. Per 5 mercoledì mattina i partecipanti hanno intrapreso un percorso che li ha condotti dall’imparare come ricreare un ambiente adatto alla coltivazione, all’assaggio di quegli stessi ortaggi nei piatti preparati dallo Chef Luca a Chinino Food. Tutti insieme hanno imparato, a conoscere la terra e a conoscersi fra di loro, e soprattutto hanno prodotto qualcosa di molto concreto. Legami, inclusione e un’ottima insalata!

I prodotti top di quest’annata del corso? Fragole, zucchine e insalata.

Restauro

Di Rosalba Cossanetto, la curatrice del corso, abbiamo già parlato. Cos’altro dire dell’attività di questanno? Due cicli da 10 incontri: come ogni anno è stata una bellissima esperienza, per chi l’ha condotta e per chi l’ha frequentata. I veterani, alla seconda o terza partecipazione, ancora una volta hanno accolto con entusiasmo i nuovi arrivati, fondendo con loro esperienze, saperi e passioni!

Tutti loro si sono avvicinati all’antica arte del restauro, alle tecniche decorative, al recupero e alla trasformazione della materia, sempre in quel clima di entusiamo e serenità che genera relazione e legami.
A fine corso la soddisfazione di tutti stava nell’aver osservato gli oggetti cambiare aspetto fra le proprie mani, ma anche nell’essere riusciti a ritagliarsi del tempo per SE STESSI insieme a tanti altri, così simili e così diversi.

La parola a un partecipante d’eccezione. Luca, che nella vita fa il cuoco a Chinino Food:

Mi sono iscritto a Fabbricarte Restauro per due motivi. Il primo era per passare un po’ di tempo con mio padre, ho frequentato il corso insieme a lui. Il secondo è più concreto: volevo imparare a mettere a posto delle cose che ho in casa! Cosa dire del corso… ben fatto, tanta pratica e la giusta dose di teoria; un bel gruppo, una docente simpatica e paziente. Credo che ci iscriveremo di nuovo il prossimo anno!”

Appuntamento a settembre!

PS: per info sui corsi di FabbricArte chiamare il numero 3358175553 o inviare una mail a info@fabbricadelchinino.it

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail