“GRAZIE per la Festa, siete costruttori di benessere e gioia!”

“La felicità è un messaggio inaspettato, un abbraccio improvviso, una carezza sul viso, un semplice sorriso”. Questo e molto di più ha rappresentato per tutti gli operatori dei Servizi per la disabilità di Cooperativa Paradigma ricevere la lettera di Rita, la mamma di Silvia: una delle persone di cui ci prendiamo cura nel Centro diurno “Cure Familiari” di Via Paoli 15.

Le diamo voce volentieri non solo perché la Fabbrica è anche intreccio di storie e voci, ma perché le sue parole restituiscono in pieno il senso del nostro quotidiano, dell’essere una fabbrica che produce qualcosa di molto concreto. Come quei grazie. Grazie a te, Rita.

 

La Festa di Primavera, il giorno dopo

Stamani Silvia è assonnata, stanca, un po’ raffreddata ma felice e orgogliosa di aver partecipato al saggio di “danza in carrozzina” e soprattutto di aver dimostrato agli amici e parenti presenti quanto è stata brava.

Ieri avevo pensato di dire pubblicamente cosa penso di loro alle persone che hanno lavorato per la riuscita della festa, ma non vi è stata l’occasione e allora approfitto del vostro sito.

Volevo dirvi che…

siete ingegneri, muratori, architetti, giardinieri, siete costruttori di benessere e gioia, siete capaci di mettere ogni giorno un mattone per costruire la speranza, per noi genitori, di vedere i nostri figli forti, felici ed orgogliosi!

Volevo dirvi che…

avete insegnato ai nostri figli l’orgoglio di ottenere risultati straordinari dal loro impegno quotidiano nelle diverse attività svolte al Centro e dintorni!

Volevo dirvi che…

a guardare la gioia dipinta sui loro visi penso che il vostro obiettivo sia stato raggiunto!

Volevo dirvi che…

solo grazie a un lavoro umilmente straordinario e all’amore per “l’altro”, che sono il vostro “marchio di Fabbrica”, si possono raggiungere obiettivi ambiziosi come quello di rendere Silvia orgogliosa di ballare a un saggio o di mettere in scena uno spettacolo come quello visto ieri sul palco dell’Hiroshima Mon Amour!

Volevo dire grazie…

alla freschezza e alla gioia delle ragazze e dei ragazzi che hanno scelto in questi anni di fare Servizio Civile in Cooperativa Paradigma!

Volevo dire grazie…

per la serietà e l’impegno a coloro che svolgono il tirocinio presso i centri frequentati dai nostri ragazzi, in previsione di dedicarsi al lavoro di cura di chi da solo non può farlo!

Ma soprattutto VOLEVO DIRE GRAZIE alle donne e agli uomini che da anni svolgono il loro lavoro mettendo a disposizione dei nostri figli serietà, professionalità, capacità diverse, esperienza e… CUORE!

So che nessuno potrà mai ripagarli in maniera adeguata del lavoro svolto.

So che solo l’umanità che li nutre potrà ricompensarli degnamente dell’impegno e delle fatiche di ogni giorno. A loro tutte e tutti un abbraccio fraterno sincero.

Rita Bozza

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail